Rompete le righe! La Ragazza del Giovedì.

jean Seberg
Stripe Dress

Buongiorno! Rompete le righe, è una frase che ho sempre desiderato dire o scrivere in questo caso.

Parlerò di righe, le nostre amate Stripes oramai un Evergreen, presenti all’interno del guardaroba di ognuno di noi, o quasi! Un classico senza tempo.

Ma perché le righe sono diventate un Must-have? Pronte sull’attenti in ogni stagione, regalano sempre un outfit fresco, pulito elegante e mai scontato!

L’estate è la stagione delle righe, e la storia delle righe è piena di sorprese.

Chanel SS19
Audrey Hepburn

Un lungo passato accompagna la maglia a Righe, sin dai tempi del medioevo con  una connotazione dispregiativa, ad indole rivoluzionaria (nel ‘700), adottate successivamente dai marinai bretoni fino ad essere sdoganate da lei Coco Chanel . Solo Lei è riuscita a trasformarla da divisa tipicamente maschile, negli anni ’20, riadattandola come capo femminile abbinata con un giro di perle ed il suo rossetto rosso!  Intuì l’attitudine modaiola, “lo stile rivoluzionario” della Grande Stilista, ancora incredibilmente sorprende e continuerà a sorprenderci.

“Non era una sarta, ma una creatrice di moda”.

 

Audrey Hepburn
Edie Sedgwick
Andy Warhol - Pop Art
Edie Sedgwick

Gli anni cinquanta furono il periodo di glorificazione delle millerighe, le Marinière diventa un classico bon chic bon genre.

Icone di stile come Audrey Hepburn e Edie Sedgwick (musa di Andy Warhol), intellettuali come Picasso, stilisti come Jean Paul Gaultier, musicisti, etc.

Successivamente vari stilisti le hanno reinterpretate  colorandole, inserendo una lavorazione a maglia dal sapore etnico, Missoni si afferma negli anni 70 riscontrando un grande successo.

Fino ad arrivare ai giorni nostri. Vi pongo un quesito..Come non amarle??

 

Mettetevi alla prova e mostratemi i vostri outfit pubblicando le vostre foto  su Instagram e taggando @pshop_verona #laragazzadelgiovedi

Sempre a vostra disposizione vi aspetto giovedì’ prossimo per altre curiosità!

La ragazza del Giovedì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *